30 Ottobre 2020
news
percorso: Home > news > ACSI

ACSI all´Eudi Show 2016

17-03-2016 17:30 - ACSI
Eudi 2016 - si parla di ESA/ACSI Apnea Life Style con Mario Romor e Andrea Covarelli
Eudi 2016 - si parla di ESA/ACSI Apnea Life Style
Grazie alla collaborazione con la famosa agenzia formativa per subacquei ESA Worldwide, la Divisione Sub dell’ACSI ha partecipato al salone della subacquea che si è svolto a Bologna dal 4 al 6 marzo 2016. Un’edizione importante che ha visto l’introduzione di importanti novità come il prolungamento dell’orario fino alle 20:00 nella giornata di sabato e l’agevolazione per l’ingresso ai subacquei neobrevettati e che ha fatto registrare un incremento dell’8% rispetto al 2015 con oltre 33.000 visitatori!
Anche in questa edizione ESA e ACSI hanno condiviso con gli amici dell’Associazione CMAS Diving Center Italia uno spazio comune nel quale si sono svolte numerose presentazioni condotte da esperti dei vari settori inerenti la pratica dell’attività subacquea.
Molti amici di ESA e di ACSI Divisione Sub si sono infatti succeduti raccontando prevalentemente di ambiente e fotografia subacquea ma non sono mancati un paio di interventi volti a migliorare la consapevolezza degli operatori del settore in merito agli aspetti legali legati alla pratica dell’attività subacquea, dello snorkeling e dell’apnea. in particolare le persone intervenute hanno potuto ricevere informazioni in merito alle certificazioni mediche, alla posizione di garanzia ed ai defibrillatori automatici esterni. Le conferenze sono state curate dagli avvocati Thomas Tiefebrunner, Raffaele Parella Vitale e Giancarlo D’Adamo di Diritto & Subacquea (www.diritto-subacquea.it).
Sia sul Palco Oceano che nello spazio comune è stata presentata la prossima edizione di in&out che si svolgerà dal 9 al 12 giugno 2016 nel territorio dell’Area Marina Protetta di Tavolara Punta Coda cavallo in Sardegna. La presentazione del sabato è stata condotta da Roberto Porcu presidente dell’associazione SlowDive, ideatrice e organizzatrice dell’affermato evento. Roberto ha colto l’occasione per ringraziare ACSI, tutti i partner delle precedenti edizioni ed i concorrenti che hanno animato le gare, ha spiegato la filosofia ed il successo di in&out oltre che ricordare che presto, sul sito di SlowDive e di in&out, saranno disponibili tutte le informazioni relative alla prossima competizione che, come di consueto, prevede la realizzazione da parte dei concorrenti di immagini sia subacquee che terrestri con l’intento di promuovere la conoscenza ed il rispetto dell’ambiente e del territorio comunale di Loiri Porto San Paolo, partner della manifestazione. L’edizione 2016 di in&out conferma la presenza della sezione dedicata alle Action Cam (video) e lo svolgimento, in concomitanza con la parte subacquea, della seconda edizione del Campionato Nazionale ACSI di fotosub. Adriano Occhi e Renato Romor, ideatori e colonne portanti della manifestazione si sono già messi all’opera per confermare la partecipazione e le adesioni dei consueti partner di in&out oltre che di nuovi collaboratori.
Venerdì sul Palco Oceano Miho Tsuruoka (presidente di giuria di in&out) ha presentato assieme a Dario Lambertini, con il contributo di meravigliose immagini subacquee realizzate da Franco De Lorenzi i nuovi prodotti di INON che ha anni è uno dei più prestigiosi sponsor di in&out.
Sempre Miho, assieme al famoso divulgatore e biologo Angelo Mojetta ha presentato una serie di belle immagini subacquee che hanno permesso di raccontare informazioni e curiosità inedite relative alla vita della Posidonia oceanica.
Marco Colombo, giudice di in&out, fotografo naturalista ha svolto due presentazioni molto interessanti relative alle immersioni notturne e negli ambienti bui ed alla tropicalizzazione del Mediterraneo catalizzando come sempre l’attenzione di numerosi partecipanti.
Il campione di fotografia Francesco Visintin, attraverso le proprie immagini, ha esposto una serie di considerazioni relative alle immersioni svolte dalla riva incontrando appieno la filosofia promossa da diversi anni da SlowDive. Immersioni a Km 0 durante le quali i fotografi subacquei possono dedicare tutta la propria attenzione all’osservazione ed alla ricerca di organismi interessanti e particolari solitamente non individuabili in occasione delle immersioni svolte a “ritmi classici”. Un bel modo per migliorare la propria consapevolezza rispetto agli ambienti sommersi e per valorizzare anche i siti di immersione meno blasonati.
Anche Claudio Grazioli (giudice di in&out e membro di Fanatic Wrecker) ha presentato un sito d’immersione dove i subacquei possono visitare nel rispetto di particolari regole un vero relitto antico dove è possibile osservare il carico di anfore ancora in situ, si tratta della nave romana “A” di Albenga, in Liguria. Chi volesse visitare il famoso sito si può rivolgere a Corrado del Marina Diving ubicato nel porto di Loano in Liguria.
Strepitoso come sempre il biologo Fabio Russo che ha presentato con fotografie e disegni il fascino ed i colori delle immersioni notturne e una vera e propia lezione sulla vita e sulle curiosità dei pesci a muso lungo (pesci ago e cavallucci marini) spiegando tra le altre cose come distinguere le due specie di cavalluccio di solito osservabili nei mari italiani.
Durante i tre giorni della fiera Sirena Francesca ha promosso la nuova attività di Mermaiding, acquaticità e nuoto con la coda da sirena riscuotendo un enorme successo confermato anche dall’adesione alle prove svolte nella vasca messa a disposizione dell’organizzazione della fiera. Nei prossimi mesi La Casa delle Sirene e Doctor Scuba organizzeranno il primo corso nazionale per istruttrici di Mermaiding.
Sul Palco Nettuno domenica pomeriggio ESA e ACSI hanno dato spazio all’associazione “I Sette Mari” che ha presentato le attività di “Asinara National Camp” un programma formativo, svolto in gran parte sull’isola dell’Asinara, che ha visto il coinvolgimento di numerosi giovani che hanno svolto un vero e proprio camp imparando, grazie agli educatori Luca Occulto Cristina Bonino la vita di gruppo, le tecniche subacquee e la conoscenza dell’ambiente. Durante il programma i giovani hanno partecipato anche al corso ESA Posidonia Diver condotto da Claudio Grazioli ed ad un’esperienza di Apnea Life Style svolta da Mario Romor:
Domenica mattina Mario Romor ha condotto la riunione degli ESA IC Director, i professionisti abilitati alla formazione degli Istruttori ACSI/ESA e la consueta riunione degli ESA Professional durante le quali ha ribadito la collaborazione tra ESA e ACSI Divisione Sub. Alla fine dell’ESA Meeting Mario a consegnato gli ESA Awards 2016, un prestigioso riconoscimento che viene assegnato alle strutture ed alle persone che si sono distinte nella promozione dell’attività subacquea, nelle attività volte alla conoscenza ed al rispetto dell’ambiente, nel rispetto delle regole e nel lavoro per il miglioramento del benessere personale.
Quest’anno tra le persone premiate spiccano in modo particolare Roberto Porcu per l’impegno profuso attraverso ACSI e SlowDive nella riuscita di in&out e Fabio Brucini per l’ottimo lavoro svolto nei programmi ACSI/ESA “Respiro Vivo” e Apnea Life Style”.
Insomma un programma molto intenso che ha riscosso un ottimo successo grazie anche alla collaborazione tra ACSI, ESA e ACDC.

Fonte: ACSI Divisione Sub Team

Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account